in barca con Roberto Soldatini

In barca con Roberto Soldatini e la musica del mare

Il set di questa storia: Carla, Napoli, Porto di Borgo Marinai, tempo soleggiato.
Lei tamburella con le dita sul tavolino del bar, ansiosa di conoscere questo personaggio meraviglioso, di cui aveva letto così tanto.
Lui, con la sua bella semplicità e il sorriso sereno, le stringe la mano e la accoglie a bordo della sua splendida barca, mettendola a proprio agio, come solo un navigatore navigato sa fare. Chiacchiere infinte da qui in avanti.   

Chi è Roberto Soldatini?

Roberto è tante anime. Certo, noi l’abbiamo incontrato per via del mare (è un navigatore solitario), ma se cercate di lui online troverete che è un direttore d’orchestra, un violoncellista, uno scrittore e, a volte, anche un attore.
Avendolo conosciuto meglio, ci piace però descriverlo non tanto per i ruoli che ha, ma per il suo meraviglioso modo di prendere la vita.

Roberto è uno spirito libero e un grandissimo amante della natura, da cui sembra assorbire quasi senza volere quell’”energia tranquilla” e la dolcezza, che lo caratterizzano. Forse anche per questo vive su Denecia, il bellissimo Moody 44, che gli fa da casa, barca, studio, aula, ispirazione. Per sei mesi all’anno lui e Denecia si trovano in porto a Napoli, gli altri sei in navigazione per il Mediterraneo.

 

Appena saliti a bordo non si può non notare la sua foto, in cui sbircia da una fessura l’interno di una casa. A fianco, ben visibile, una finestra aperta sullo stesso spazio. Questo è il modo di Roberto di guardare la vita: riflessivo, curioso, desideroso di scoprire da un punto di vista tutto suo, quegli aspetti non immediatamente evidenti delle cose e delle persone.

Un navigatore (solitario)

La navigazione solitaria fa parte del mondo interiore di Roberto, è lo spazio in cui pensa, si muove, crea. Non per questo disdegna la compagnia, anzi! Roberto in ogni porto che tocca, conosce le persone, le loro storie di mare, il loro modo di vivere. A bordo, dedicata al suo violoncello, c’è una cabina, che ogni tanto gli fa piacere cedere a qualche ospite, che abbia voglia di condividere con lui un pezzetto di mare. Roberto saprà accogliervi, conoscervi, raccontarvi le sue storie e ispirare nuove melodie in ciascuno di voi.

Volete andarlo a trovare? Scriveteci!

capodanno Napoli

Diario di bordo: capodanno a Napoli

Tunny è tornata dal capodanno a Napoli. Che dire…è tornata, come al solito carica di sorrisi, abbracci, ricordi meravigliosi, emozioni catturate per sé e per i suoi ospiti.
Hanno navigato, esplorato le isole più belle, hanno chiacchierato sotto le stelle e pranzato in rada.

Il picco dell’emozione arriva con il capodanno, quando il cielo sopra di loro si è trasformato in un universo colorato e scintillante, riflettendosi nel mare. La barca sembrava galleggiare in un mondo parallelo, il blu della notte è diventato lo sfondo di uno spettacolo pirotecnico che probabilmente non può essere visto in nessuna altra parte del mondo. In lontananza Napoli, con le sue persone, i suoi festeggiamenti, le sue bellezze.

 

Poi c’è stato il corso di cucina: uno spasso. Tunny in cattedra con un gruppetto di allievi catalani alle prese con la preparazione di un risotto alle fragole e champagne!
La cena era deliziosa e ora tutti noi aspettiamo un invito a cena…a Barcellona! 🙂

Capodanno a Napoli e Isole 29/12/2016 - 05/01/2017
Imbarcazione “Sud”
Crew Luca & Carla

Tunny è di nuovo in partenza!

Valigia pronta! (Se guardate bene spuntano anche le code dei gamberoni per il cenone di capodanno).
Lei parte e va a Napoli, dove salperà alla volta di Ischia e Procida e come al solito riuscirà a regalare nuove emozioni ad un nuovo equipaggio...il primo dell'anno, tutto Catalano. E noi restiamo in attesa di nuove storie di mare...le prime del 2017!

Buon anno nuovo a tutti voi e buon vento Tunny! 😉